Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Lecce ora è buio pesto: sesta sconfitta consecutiva incassata e classifica che comincia a farsi davvero preoccupante.

 

Anche il Mapei Stadium registra un nuovo ko per gli uomini di Liverani, costretti ad incassare ancora un poker, a fronte dei due gol messi a segno. L’incontro con il Sassuolo poteva rappresentare la gara della svolta, del possibile rilancio in classifica, dopo la partenza incubo post lockdown. Il Lecce ci ha provato, è andato sotto, ha reagito, ha recuperato, salvo poi alzare bandiera bianca negli ultimi quindi minuti, vittima più delle sue ingenuità, che dell’abilità dei padroni di casa.

Un a partenza horror, con un gol incassato al 5’ a causa di un’errata interpretazione del fuorigioco. Con caparbietà i giallorossi si sono rimessi in carreggiata grazie al pareggio di Lucioni. Poi il penalty assegnato dal fiscalissimo Massa (così come lo era stato Rocchi qualche giorno addietro), il nuovo aggancio di Mancosu (glaciale dal dischetto), infine l’uno-due di Boga e Muldur, degno del miglior pugile: bravi loro, ma ingenui noi. Ciliegina sulla torta l’inutile e sciocco fallo di Tachtsidis (punito con un sacrosanto giallo) sul finire, che costerà la squalifica al greco.

Nonostante le ataviche assenze registrate da quando si è ripreso a giocare, Liverani, che continua a fare di necessità virtù, schiera una formazione che ben riesce a fronteggiare le giocate di una squadra imprevedibile e frizzante come il Sassuolo. E quando, raggiunto il pari con Mancosu, qualcuno già si immaginava il possibile ribaltone, ecco sbucare dal cilindro il furetto Boga che conclude nel migliore dei modi un contropiede innestato dopo una soluzione scellerata di Falco. Il successivo gol del 4-2 di Muldur è da consegnare solo agli annali.

Ora occhi e orecchie alle sfide di Genoa e Sampdoria, con la speranza che un loro passo falso possa restituire sorrisi e speranze agli uomini di Liverani. E martedì sera al Via del Mare arriva la Lazio, bastonata a domicilio dal Milan, che sembra aver detto addio al sogno tricolore. Il Lecce proverà a rialzarsi, in una delle ultime occasioni per poter continuare a sperare nella  salvezza.

 

Chiesa di Lecce per il Coronavirus