Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Nella gara della paura, del dentro e fuori, è la Sampdoria a fare bottino pieno ed allungare nella zona salvezza. Per il Lecce uno stop pericoloso, il quinto consecutivo che potrebbe aprire scenari davvero oscuri.

 

 

Doppio Ramirez per i doriani, e Mancosu per il Lecce, per un 1-2 al Via del Mare nel segno degli uomini di Ranieri. Tutto su rigore, con ben tre penalty fischiati dal fiscalissimo Rocchi, che invece è apparso alquanto svagato su una tacchettata di Bonazzoli, apparsa volontaria nella prima frazione di gioco. La Samp allunga a 29 e da un’accelerata in zona salvezza, il Lecce sempre fermo a 25 terzultimo.

Allenatori che devono fare i conti con squalifiche ed infortuni. Liverani senza punte di ruolo, con Babacar che parte dalla panchina: in avanti il suo Falco-Saponara. Sull’altro fronte Ranieri conferma le scelte della vigilia, con il duo Ramirez-Bonazzoli a cercare di pungere.

Si parte e la prima frazione di gara scorre via senza particolari sussulti, con le squadre che si fronteggiano senza creare eccessive preoccupazioni alle rispettive difese. Unico sussulto una tacchettata di Bonazzoli a Donati in pieno volto in un contrasto di gioco: sembra volontaria, ma non per Rocchi che sorvola (Var compreso).

È la Sampdoria a prendere le redini del gioco, e far girare maggiormente la palla; i giallorossi provano a giocare di rimessa, ma l’assenza di un attaccante di ruolo crea più di qualche problema. Sul finire del tempo la svolta: Tachtsidis stende Jantko in area, Rocchi assegna il penalty, confermato dal Var. Dal dischetto Ramirez (40’), Gabriel respinge, la sfera assume una traiettoria beffarda e si insacca alle sue spalle per il vantaggio doriano. Gli uomini di Ranieri, apparsi più incisivi e manovrieri, sono avanti all’intervallo; il Lecce prova a fare la gara, ma appare prevedibile e spuntato.

Si riparte e Liverani inserisce Petriccione e Babacar per Tachtsidis e Meccariello, per un Lecce più offensivo e che torna alla difesa a 4; sul fronte opposto Gabbiadini rileva Bonazzoli. Ed è ancora rigore, questa vola per il Lecce. Thorby entra duro su Saponara, Rocchi indica il dischetto. Capitan Mancosu è implacabile per il pareggio del Lecce e la sua decima rete in campionato. Il Lecce ci crede e comincia a spingere con più convinzione, ma sbatte sul muro sempre attento e pronto a giocare di ripartenza. Si rivede in campo il brasiliano Farias (67’), tornato disponibile dopo vari malanni fisici. Ma è ancora Rocchi, è ancora penalty. Paz atterra Depaoli in area, e il fischietto toscano non ha dubbi. Terzo rigore della serata, ancora Ramirez (75’) per il vantaggio ospite e la sua doppietta personale. Il Lecce cerca l’aggancio, ma la sua manovra è alquanto impacciata e confusa, frutto più di una disperazione per una sconfitta che sarebbe davvero pesante in chiave salvezza. Alla fine sorridono Ranieri e i suoi uomini, per il Lecce uno stop inatteso, e la salvezza che diventa un’impresa. 

Oggi pomeriggio ripresa degli allenamenti a porte chiuse in vista della trasferta di Reggio Emilia dove i giallorossi incontrerano il Sassuolo, in programma sabato 4 luglio alle 19,30.

 

Chiesa di Lecce per il Coronavirus