Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Smaltita la delusione per la sconfitta, con conseguenti polemiche arbitrali, contro la Lazio di domenica scorsa, ed il successivo silenzio post gara, il tecnico del Lecce, Fabio Liverani, alla ripresa degli allenamenti, ha inteso dire la sua.

“Della prestazione di domenica scorsa a Roma salvo tante cose – ammette -. Abbiamo giocato una gara a viso aperto, creando tante occasioni contro una squadra forte e mostrando buona qualità nelle giocate. Poi ci sono stati alcuni errori individuali, come in occasione del primo e del secondo gol subiti. Concedere qualcosa alla Lazio era inevitabile, purtroppo dopo il rigore è cambiato tutto lo spartito”.

Impossibile non tornare sull’episodio che ha scatenato la dura ma garbata protesta del presidente Sticchi Damiani, sul rigore non fatto ripetere dall’arbitro Manganiello. “Il gol annullato a Lapadula dopo il rigore? Il mio pensiero è tale e quale a quello della società”, taglia corto il tecnico.

E sullo ‘scippo’ del pallone di Babacar a Mancosu, rigorista designato per i giallorossi, Liverani ci tiene a dire: “Non creiamo casi inesistenti. Il tiratore, e responsabile della battuta, è Mancosu. Poi lui è libero di lasciare la sfera al suo compagnato che chiede di calciare. Non esiste alcun colpevole né alcun capro espiatorio. Ovvio che io non posso fare da baby sitter: nello spogliatoio tutti sanno quali sono le regole, nessun ha alibi e tutti sono responsabili. Fermo restando che Babacar sino all’azione del rigore fallito aveva disputato un’ottima gara”.

Ora il campionato si ferma per gli impegni delle nazionali. Alla ripresa al Via del Mare arriva il Cagliari, autentica rivelazione di questa prima parte di campionato. Sul prossimo avversario dei giallorossi, Liverani è schietto: “Arriverà nel suo momento migliore: ad oggi è forse la squadra che esprime il miglior calcio. Ma non dobbiamo guardare troppo agli altri: ce la giocheremo come sempre, e lo affronteremo concentrandosi su noi stessi. La nostra crescita è continua ed esponenziale”.

Nel pomeriggio di ieri, intanto, la squadra ha ripreso la preparazione sul terreno del Via del Mare. Assenti i nazionali Majer, Imbula, Shakov, Vera, Dubickas e Benzar, oltre agli infortunati Falco e Tabanelli.

Il fantasista originario di Pulsano accusa una distrazione al collaterale, che lo costringe da una settimana di cure molto intese: alla fine del ciclo di terapia, potranno essere valutati modi e tempi di recupero. Tabanelli, invece, è sulla via della guarigione del problema muscolare, e dall’inizio della prossima settimana dovrebbe unirsi al gruppo. Infine alla lista dei diffidati Majer e Rossettini, si sono uniti anche Lucioni e Lapadula: al prossimo giallo scatterà in automatico la squalifica.