Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Nella giornata di ieri nel ritiro della truppa giallorossa in Valgardena, il tecnico Fabio Liverani ha fatto sostenere alla squadra un doppio allenamento atletico e tattico.

Mancosu e La Mantia hanno lavorato in differenziato. Oggi un’altra doppia seduta d’allenamento prima dell’amichevole di domani con il F.C. Gherdeina, alle 17 presso il C.S. Mulin Da Coi di Santa Cristina.

Intanto oggi dopo il lavoro mattutino ha parlato Mattia Petriccione commentando questi primi giorni di ritiro e pensando già al suo esordio in serie A. “L’idea - afferma Ptriccione - di confrontarsi nel massimo campionato non può che essere stimolante. Si sta lavorando nella maniera giusta, i nuovi si sono messi subito a disposizione e si stanno integrando velocemente”.

Un sogno per il il centrocampista a quattro polmoni, protagonista assoluta della cavalcata della scorsa stagione: “Ogni giocatore lavora per quello, la serie A è il sogno e l’obiettivo di tutti. Ci speravo di arrivare a questo livello ed ora, fortunatamente, ho questa opportunità. Per come ci fa giocare mister Liverani, privilegiando palla a terra, per me cambia poco se vengo schierato da play o mezzala. Con Tachtsidis nello scorso campionato mi sono trovato molto bene, lui ha qualità e palleggio. Il gradino tra Serie B ed A è molto alto, più grosso di quello tra C e B”.

E qui petriccione indica la strada: “Bisognerà  migliorare su tutto, secondo me, principalmente sull’aspetto fisico, sulla forza e sulle gambe”.

Infine il pensiero alla tifoseria giallorossa. “I nostri tifosi in questa avventura ci daranno sicuramente una mano, sanno che sarà un campionato in cui ci sarà da soffrire e sono sicuro che soffriranno assieme a noi. Durante tutto l’anno scorso ho potuto verificare il loro attaccamento alla maglia, che è enorme”.

 

 

scuola diocesana di formazione teologica


 

 

CONTATTI

portalecce.it
73100 - Lecce
piazza duomo
tel. 0832.308849

redazione@portalecce.it