Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

C’è modo e modo di esercitare la cittadinanza attiva. Esistono, e si sono concretamente realizzate, migliaia di forme di vicinanza e di solidarietà in questo momento storico nel quale tutti, da primo all’ultimo, abbiamo avvertito il fiato corto della paura.

 

 

Il senso di “famiglia umana” ha registrato picchi notevoli verso l’alto in tutto il tempo della pandemia. Il volontariato, se fino a qualche mese fa era un “privilegio” di pochi, quasi per miracolo, si è trasformato in una catena eccezionale che è giunta dappertutto, agganciando con i suoi anelli, per primo il mondo, della sanità pubblica.

La drammatica emergenza iniziale ha riguardato anzitutto gli ospedali del nord Italia che all’improvviso si sono ritrovati assaliti da una marea di contagiati dal Covid-19. La prima corsa ha avuto come meta l’approvvigionamento di attrezzature e di dispositivi di sicurezza. Un’ondata di generosità ha affiancato i finanziamenti pubblici, raggiungendo - nonostante l’alto numero di vittime - risultati straordinari.

Il lockdown, però, com’era prevedibile, non solo ha provocato il necessario distanziamento fisico tra le persone - ragion per cui anche la scuola ha dovuto adottare la didattica a distanza - ma ha soprattutto aperto ferite sociali che resteranno aperte chissà per quanto tempo ancora.

Ed è su queste ferite aperte che il Liceo “Ciardo-Pellegrino” di Lecce ha voluto versare l’olio della bellezza. È nato da questi presupposti “Art Gift”, il progetto che ha preso le mosse mentre rallentava l’emergenza sanitaria e avanzava inesorabile l’impoverimento generale causato dal fermo delle attività produttive.

E se è vero che la bellezza può guarire dalla paura consegnando pace all’anima è ancor più efficace immaginare che l’arte, che ha in grembo il bello, coniugata col senso civico, può anche essere di aiuto e di sostegno. È il senso della raccolta fondi che la scuola ha attivato affidandosi alla piattaforma della “RETE DEL DONO” . Insieme all’invito a elargire un’offerta in beneficenza rendendosi sensibile e utile in un momento di difficoltà generale, il Liceo artistico e coreutico regala “ai generosi donatori che ne faranno richiesta - è scritto nella proposta progettuale -, i ‘gioielli di famiglia’ di un’intera comunità scolastica”.

In una  GALLERIA VIRTUALE  con oltre 80 lavori di pittura e scultura, il donatore potrà sceglierne uno e portarselo a casa: un’opera d’arte per una buona azione. L’obiettivo fissato è 5mila euro e il ricavato sarà devoluto alla Caritas diocesana di Lecce con la quale va consolidandosi una sinergia che potrà prolungarsi nel tempo. L’organismo caritativo, infatti, ha in mente di costituire un fondo speciale denominato “Ciardo-Pellegrino” che attraverso una commissione composta anche da rappresentanti del liceo stabilirà criteri e destinatari degli interventi solidali.

“Non è un’asta di beneficenza, né un “do ut des”, né tantomeno una vendita. È un gesto dall’alto valore educativo: ci priviamo del frutto del nostro lavoro per esercitare concretamente quella cittadinanza attiva che oggi si esprime in forma di solidarietà”, così si conclude la presentazione del progetto sulla piattaforma di crowdfunding.

Art Gift: regalati l’arte e consegna un sorriso.

 

prossimi eventi

9 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

10 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

11 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

13 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

Chiesa di Lecce per il Coronavirus