Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

La statua della Beata Vergine di Loreto, realizzata appositamente per il “Giubileo Lauretano”, resterà circa tre settimane nel Salento. L’iniziativa rientra nei festeggiamenti per il centenario della proclamazione della Madonna quale “Patrona degli Aeronauti”.

È previsto per oggi 14 febbraio l’arrivo al 61° Stormo di Galatina dell’effige sacra della Madonna di Loreto, una statua appositamente realizzata per il Giubileo Lauretano, che attraverso un percorso itinerante, farà visita a tutti i reparti dell’Aeronautica Militare dislocati sul territorio nazionale.

Ricorre infatti quest’anno il centenario della proclamazione, avvenuta il 24 marzo del 1920, della Vergine Lauretana quale Patrona universale degli aeronauti.

Per celebrare l’avvenimento, come già annunciato in precedenza, Papa Francesco ha concesso il “Giubileo Lauretano” che ha avuto inizio l’8 dicembre 2019, con l’apertura della Porta Santa nel Santuario di Loreto, e si concluderà il 10 dicembre 2020. Il Giubileo si rivolge a tutti i fedeli che, in qualche modo, sono legati al mondo dell’aviazione civile e militare, non solo i lavoratori, ma anche i passeggeri.

Il 61° Stormo, capoluogo di circoscrizione ed ente di riferimento aeronautico per tutti i reparti dell’Arma Azzurra ubicati nelle province di Lecce e Brindisi, avrà il privilegio di custodire la “Madonna Pellegrina” per circa tre settimane nel corso delle quali sono previsti numerosi appuntamenti religiosi tra cui:

Domenica 16 febbraio alle 11, santa messa presso il santuario “De Finibus Terrae” di Santa Maria di Leuca presieduta dal vescovo di Ugento-Santa Maria di Leuca (la processione avrà inizio alle ore 10:30).

Lunedì 17 febbraio alle 18, santa messa presso il duomo di Lecce presieduta dall’arcivescovo mons. Michele Seccia (dopo la messa, all’interno della cattedrale, si terrà un concerto della Fanfara della 3^ Regione Aerea).

Martedì 18 febbraio alle 19 nella chiesa madre di San Cesario di Lecce, la santa messa presieduta dall’arcivescovo di Lecce (alle 18,15 avrà inizio la processione con partenza da via Dante).

Venerdì 21 febbraio alle 18, santa messa celebrata a Galatina presso la Basilica di Santa Caterina d’Alessandria (la processione avrà inizio alle ore 16.45 con partenza da Piazza San Pietro);

Martedì 25 febbraio alle 10.30, Santa Messa presso la cattedrale di Otranto presieduta dall’arcivescovo Donato Negro.

Inoltre, durante la permanenza in terra salentina, saranno previsti alcuni momenti di apertura al pubblico delle basi militari per dare la possibilità ai devoti di visitare la statua “pellegrina” e ricevere l’indulgenza plenaria.  L’aeroporto militare di Galatina sarà aperto ai fedeli:

  • ·         dalle 10 alle 12, e dalle 14 alle 16: nelle giornate di lunedì 17, martedì 18 e venerdì 21 febbraio;
  • ·         dalle 10 alle 12: giovedì 20, sabato 22 e domenica 23 febbraio;
  • ·         dalle 14 alle 16: mercoledì 4 marzo.

L’apertura al pubblico riguarderà esclusivamente il tragitto ingresso-cappella aeroportuale. Dopo aver parcheggiato l’auto all’esterno, si accede previa esibizione del documento di identità e rilascio pass (per avere ulteriori info: 0832/262815 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).

 

prossimi eventi

1 Mar

A cura dell’Ufficio diocesano per la pastorale della Famiglia e della Vita.

12 Mar

Dal pranzo a prima di cena.

12 Mar
15 Mar

A cura dell’Ufficio diocesano per la pastorale della Famiglia e della Vita.

29 Mar

A cura dell’Ufficio diocesano per la pastorale della Famiglia e della Vita.

Concerto Mozart, Piazzolla e dintorni