Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

“Siamo tutti dei fiori solidali che restando uniti non avranno mai il tempo di appassire”.

 

 

 

Il Coronavirus ha desertificato la vita di ogni essere umano, rendendola schiava della paura di un eventuale contagio e aperta ad attraversare il varco della solitudine. A pagarne le conseguenze sono i più deboli, coloro che si nutrono della presenza e del sorriso amorevole dei volontari per continuare ad affrontare le difficili problematiche della vita di strada.

La Comunità di Sant’Egidio ha deciso di astenersi dalla paura e dall’isolamento per dare voce all’amore che, nonostante la mascherina, non può essere celato.  La solidarietà può essere il giusto antidoto per l’indifferenza ,la discriminazione e per farci scoprire la bellezza che si cela dietro lo sguardo estraneo.

fdf1b6bb 87a2 4fec a6b7 42f545cdcbc5

Si può scegliere di accogliere il mondo esterno, facendosi contagiare dal virus benevolo della solidarietà. Proprio per questo, la Comunità di Sant’Egidio di Lecce vuole lasciar spazio all’amicizia, concedendo la propria presenza nelle visite settimanali ai più bisognosi.

Le difficoltà immense per il tragico evento sono innegabili, ma prendendo le giuste precauzioni si può offrire un pasto caldo  e un sorriso di conforto alleviando la tristezza della solitudine.

3

Si può garantire un aiuto anche senza spostarsi dalla propria abitazione, infatti alcuni volontari forniscono il proprio contributo cucinando con cura dei pasti caldi, per poi consegnarli a coloro che hanno dato la propria disponibilità ad offrirli personalmente a chi vive per strada, agli anziani e a tutte le famiglie, che pur avendo un tetto sopra la testa, sono in difficoltà.

1

 

Scegliere di donare un pasto ad una persona, non vuol dire semplicemente assicurarsi di concedere l’alimentazione necessaria, ma rappresenta il legame indissolubile creato con un amico che ti protegge,ti sostiene e ti vuole bene.

La Comunità di Sant’Egidio ci tiene a ringraziare con tutto il cuore chi ha scelto di collaborare, mettendo a disposizione il proprio tempo, preparando i pasti, chi ha dato il proprio contributo attraverso la donazione della spesa e anche chi ha inviato delle offerte economiche.

Tutti coloro che vorranno tendere la propria mano per sconfiggere l’isolamento possono regalare una spesa che verrà consegnata alle famiglie e agli anziani bisognosi, raccogliere e acquistare prodotti igienizzanti oppure donare dei fondi che verranno destinati all’acquisto di beni di prima necessità, ai prodotti sanitari e al materiale monouso per le distribuzioni.

2

Ogni piccolo contributo è un grande passo in avanti verso la solidarietà per permetterci di concedere le nostre cure amorevoli offrendo un grande aiuto per tanti bisognosi.

Vi invitiamo a collaborare a questa nobile impresa, perché restando uniti possiamo sentirci meno soli attenuando ogni avversità.

*Giovane per la pace della Comunità di Santegidio di Lecce

 

locandina santegidio

 

prossimi eventi

9 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

10 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

11 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

13 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

Chiesa di Lecce per il Coronavirus