Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Verrà presentato a Roma domani, 14 luglio alle 17,30 nella Sala Apollo di Palazzo Maffei Marescotti in via della Pigna, il volume a cura di Alfredo Mantovano “Omofobi per legge. Colpevoli per non aver commesso il fatto” (Cantagalli, Siena 2020).

 

 

Com’è noto, la Camera dei Deputati ha in corso l’esame delle proposte di legge presentate da più forze politiche in tema di contrasto all’omo/transfobia. Nelle precedenti legislature vi sono stati tentativi in tal senso, ma oggi la loro approvazione avrebbe un significato più penetrante: essa completerebbe il percorso che ha visto, fra le altre, l’introduzione della legge sulle unioni civili, con un regime prossimo al matrimonio same-sex, l’inserimento tra i farmaci distribuiti dal Servizio sanitario nazionale della triptorelina (la molecola che, assunta da un adolescente, blocca lo sviluppo ormonale, nella prospettiva del mutamento di genere) e la frequente trattazione a scuola di tali tematiche, secondo l’impostazione ideologica del gender. In qualche modo le nuove disposizioni metterebbero “in sicurezza” le “conquiste” appena menzionate, sanzionando penalmente la manifestazione di opinione in dissenso, quale indice di discriminazione.

Il volume ha lo scopo di fornire gli elementi essenziali per affrontare la tematica dal punto di vista giuridico, al netto di qualsiasi riferimento di ordine religioso o confessionale: intanto proponendo la lettura sinottica delle proposte di legge in discussione (Francesco Farri), e poi inquadrandola nel contesto attuale (Domenico Airoma).

I capitoli seguenti trattano della pericolosità di introdurre nell’ordinamento i cosiddetti hate crime, soprattutto in materia di orientamento sessuale (Mauro Ronco); della inutilità delle norme, se il loro scopo è quello di impedire ingiuste discriminazioni in danno di persone omosessuali, poiché esistono già i presidi a tutela, e comunque il fenomeno appare esiguo, se non proprio inesistente (Alfredo Mantovano); della incompatibilità di esse con la logica del sistema penalistico italiano (Carmelo Leotta), della disciplina esistente in altri Paesi, e degli effetti negativi emersi dove norme simili sono state approvate (Francesco Cavallo); della libertà di opinione e di come preservarne l’esercizio, qualora queste disposizioni divenissero legge (Roberto Respinti).

Il Centro Studi “Livatino” che da settimane conduce la sua battaglia nel merito contro la proposta De Zan, ha pubblicato una SCHEDA  di lettura critica dell’articolato, che costituisce una sorta di appendice del volume la cui presentazione verrà anche trasmessa in diretta sulla pagina Facebook “Polis pro persona”.

 

Chiesa di Lecce per il Coronavirus