Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Domani 5 ottobre alle 17 a Lecce nel chiostro dell’antico seminario di Piazza Duomo la seconda edizione del convegno “Abbi cura di te” organizzato dall’associazione “Cuore e mani aperte onlus”.

L’associazione sostiene il progetto “Il cuore in testa” ed è da anni impegnata nei campi dell’educazione alla prevenzione e dell’umanizzazione delle cure e degli spazi ospedalieri, perché divengano luoghi non solo di cura, ma del prendersi cura.

Il convegno si propone pertanto di sensibilizzare sulla necessità dell’attenzione verso se stessi, come atto di fiducia, amore e speranza, per conservare e ritrovare la salute del corpo e della mente. 

Un messaggio comunicato peraltro dalla locandina, con la foto di un gruppo di donne serene, abbigliate come per una gioiosa festa campestre, ed elementi decorativi costituiti da linee sinuose che “fioriscono” di cuori e foglie, un’aerea figura femminile stilizzata, il tutto in colori tenui, morbidi, dalle sfumature che riproducono un’atmosfera fiabesca, rassicurante, per un argomento di forte attualità.

La logica che sottende l’evento è quella di sottolineare la sinergia tra i protocolli di cura e vari ambiti scientifici: psicologici, pedagogici, sociologici relativi alla salute, includendo la dieta e la bellezza estetica. Ciascuno necessario per la prevenzione e la lotta vincente contro la malattia, in un percorso che consenta una qualità di vita decorosa e attiva.

Si inizia con i saluti istituzionali di mons. Michele Seccia, arcivescovo metropolita di Lecce, il sindaco della città Carlo Salvemini, Rodolfo Rollo direttore generale Asl di Lecce, don Gianni Mattia presidente dell’associazione “Cuore e mani aperte”, Massimo Orsini, stilista e direttore artistico di “Io m’arzo e l’otto ogni giorno”, Elena Olgiati estetista Apeo che cura lo Spazio Benessere “A sua immagine”, operante all’interno dell’oncologico, per restituire bellezza e dignità estetica al corpo, immagine di Dio, martoriato dalle cure.

Gli interventi, tutti di estremo interesse, vedono protagonisti esperti di diversi settori: Silvana Leo, direttore responsabile dell’Unità Operativa oncologica del “V. Fazzi” di Lecce, Giuseppe Annacontini, docente d Pedagogia della Salute dell’Università del Salento, Anna Maria Rizzo, docente di psicologia della salute della medesima università, la psicoterapeuta Gaia Carata, Nicola De Liso, specialista in nutrizione durante le cure oncologiche, Carolina Ambra Redaelli, presidente associazione professionale di estetica oncologica, Maria Teresa Ferrari, presidente dell’associazione “La cura sono io”, da lei stessa fondata per fa conoscere la propria esperienza. Nel 2015 a 51 anni Maria Teresa scopre di avere un cancro al seno, decide di non abbattersi, ma di illuminare di luce nuova i giorni della sua vita”. Questa luminosa energia anima le varie iniziative pratiche ed utili di cui si fa promotrice, compresa una linea di eleganti cappelli per tutte le donne. Emozioni, sentimenti, progetti “conditi” dalla fede che per lei si rafforza ogni giorno. Modera Tiziana Protopapa giornalista di Leccenews24.

Info: www.cuoeemaniaperte.it

abbi cura